Come diventare consulente del lavoro: cosa fa e cosa studia

Tra gli sbocchi lavorativi di Economia c’è la possibilità di diventare consulente del lavoro: scopri come si arriva a esercitare quest’affascinante mestiere.

Il consulente del lavoro è un libero professionista che presta i propri servizi alle aziende: in breve possiamo dire che le aiuta ad amministrare il personale, anche se all’interno del post vedremo che la realtà è più complessa di così. Di fatto chi si chiede come diventare consulente del lavoro eserciterà diverse funzioni che richiedono un aggiornamento costante. Andiamo a scoprirle vedendo inoltre il suo iter formativo.

 
 

Come diventare consulente del lavoro: cosa fa esattamente?

Il consulente del lavoro è una figura versatile, che si occupa di mansioni specifiche ma che abbracciano vari ambiti. Eccone alcune:

  • gestione di adempimenti fiscali, previdenziali e assicurativi
  • elaborazione delle buste paga
  • gestione delle risorse umane
  • tenuta della contabilità
  • conciliazione e arbitrato nelle controversie di lavoro
  • gestione della crisi di impresa
  • consulenza tecnica d'ufficio e di parte

Per riassumere, chi intende diventare consulente del lavoro gestirà pratiche e relazioni con diverse realtà. Le sue competenze, infatti, sono ricercate principalmente da piccole e medie imprese, per le quali si interfaccerà con enti quali l’Inps, l’Inail, l’Agenzia delle Entrate o i sindacati.

Come diventare consulente del lavoro: laurea

Avere un titolo accademico è il primo passo obbligatorio per entrare nella consulenza del lavoro. Pertanto sarà necessario aver conseguito una laurea triennale o specialistica in una di queste classi:

  • L-18: Scienze dell’Economia e della Gestione Aziendale
  • L-33: Scienze Economiche
  • L-14: Scienze dei Servizi Giuridici
  • L-16: Scienze dell’Amministrazione e dell’Organizzazione
  • L-18: Scienze dell’Economia e della Gestione Aziendale
  • L-36: Scienze Politiche e delle Relazioni Internazionali
  • LMG-01: Lauree Magistrali in Giurisprudenza
  • LM-56: Scienze dell’Economia
  • LM-62: Scienze della Politica
  • LM-63: Scienze delle Pubbliche Amministrazioni
  • LM-77: Scienze Economico-Aziendali

La varietà di lauree rispecchia la varietà dei compiti del consulente del lavoro… nonché l’ampia offerta formativa delle Università Telematiche con Economia. Di fatto presentano diverse tipologie di laurea triennale e laurea magistrale in economia. In generale, scegliere un Ateneo Online se si vuole diventare consulente del lavoro è una buona mossa. Innanzitutto offrono titoli riconosciuti dal Miur che quindi permetteranno di accedere al mestiere.

In secondo luogo, sono fortemente improntati alla flessibilità: permettono di studiare economia online dove e quando si preferisce, usufruendo inoltre di un maggior numero di appelli di esame. Ottimizzare i tempi di studio è fondamentale per chi si chiede come diventare consulente del lavoro: come vedremo meglio nel prossimo paragrafo, questa figura dovrà passare per un praticantato piuttosto lungo, che può essere svolto in parte durante l’ultimo anno del percorso di studi.

Tuttavia, studiare e fare il tirocinio al tempo stesso può essere faticoso, se si è iscritti a un ateneo frontale con l’obbligo di frequenza. Qui intervengono le Università con Economia online: chi le sceglie potrà accedere quanto prima alla professione.

Ecco dunque le lauree online adatte a chi vuole diventare consulente del lavoro:

Come diventare consulente del lavoro: praticantato

Ogni futuro consulente del lavoro deve svolgere necessariamente un periodo di praticantato della durata di 18 mesi. Questo si effettua presso lo studio di un consulente del lavoro iscritto all’albo da almeno 5 anni (in alternativa si può svolgere presso un avvocato o un commercialista abilitato da almeno 3 anni).

Il praticante, inoltre, dovrà iscriversi a un registro presente presso ogni Consiglio Provinciale dell’Ordine, così da attestare lo svolgimento del tirocinio. Come accennato prima, grazie a un accordo tra il Consiglio nazionale dell’Ordine, il Ministero del Lavoro e il Miur, chi intende diventare consulente del lavoro ha modo di effettuare i primi sei mesi di tirocinio in concomitanza con l’ultimo anno di università, a patto che sia in regola con gli esami.

Come diventare consulente del lavoro: esame di Stato

Il completamento del tirocinio consente di accedere all’esame di Stato, composto da una prova scritta sul diritto del lavoro e della legislazione sociale, più una prova teorico-pratica sui temi del diritto tributario.

Il candidato avrà a disposizione 7 ore per completare ciascuna delle due prove, durante le quali potrà consultare i testi di legge non commentati e autorizzati dalla commissione esaminatrice e i dizionari. Superare la parte scritta consente di arrivare alla prova orale, incentrata sui seguenti argomenti:

  • diritto del lavoro
  • legislazione sociale
  • diritto tributario ed elementi di ragioneria
  • elementi di diritto privato, pubblico e penale
  • ordinamento professionale e deontologia.

Chi avrà passato l’esame per diventare consulente del lavoro potrà iscriversi al relativo Albo.

E dopo l’esame per diventare consulente del lavoro?

L’iscrizione all’Albo dei Consulenti del Lavoro è obbligatoria per poter esercitare la professione a pieno titolo (precisamente ci si iscrive all’Ordine della propria provincia di appartenenza). Far parte dell’Albo significa anche pagare una quota annuale e aggiornarsi periodicamente sulle materie economico-fiscali e giuridiche. Infatti bisogna raggiungere un minimo di 50 crediti formativi ogni biennio, di cui 20 possono essere acquisiti con la modalità e-learning.

Al di là degli obblighi, per il consulente è fondamentale essere sempre aggiornato sulla materia giuslavorativa, dato che può essere soggetta a diversi cambiamenti. Per rimanere al passo coi tempi, può dunque intraprendere un master in economia, oppure dedicarsi a dei corsi di perfezionamento.

Se infine ti chiedi quanto guadagna un consulente del lavoro, possiamo dirti che il suo stipendio è decisamente degno di nota: di fatto, chi è alle prime armi arriva a guadagnare circa 2000 euro al mese, mentre chi si trova a metà carriera – e pertanto risulta ormai un professionista riconosciuto e autorevole – può arrivare anche ai 3000 euro al mese. Ovviamente, il consulente del lavoro opera solitamente come libero professionista, e in questo caso dovrà anche considerare i costi legati alla gestione della propria attività.

DOMANDE FREQUENTI

Il consulente del lavoro è un libero professionista che aiuta le aziende ad amministrare il proprio personale. Nello specifico, si occupa della gestione di adempimenti fiscali, previdenziali e assicurativi, dell’elaborazione delle buste paga, della contabilità, della gestione delle risorse umane e della crisi di impresa.

In primis, bisogna conseguire una laurea triennale o specialistica di stampo economico o giuridico. Altri requisiti sono: lo svolgimento di un periodo di praticantato della durata di 18 mesi e il superamento dell’esame di Stato, che consente di iscriversi al relativo Albo.

Un consulente alle prime armi arriva a guadagnare circa 2000 euro al mese, mentre un professionista ormai avviato e riconosciuto può arrivare anche ai 3000 euro al mese.

CONTATTACI PER UNA CONSULENZA GRATUITA

Se necessiti di maggiori informazioni e vuoi ricevere una consulenza gratuita, non esitare a scriverci, ti risponderemo nel più breve tempo possibile.

    Autorizzo al trattamento dei dati personali, come esplicitato Informativa sulla Privacy

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    INTERESSATO AD UN CORSO DI LAUREA?

    CHIEDI INFO